Le anomalie del fusto del capello più comuni, come capirle e prevenirle.

0
1781
anomalie capelli

Analizziamo in questo articolo le principali anomalie del fusto del capello e i diversi modi per poterle afforntare.

 

Tricotillomania, disturbo ossessivo compulsivo.

Si tratta di un disturbo ossessivo-compulsivo che porta l’individuo affetto a tirarsi i capelli fino a strapparli. I capelli sono attorcigliati, tirati, strappati con le dita in maniera più o meno cosciente.

A differenza di quanto si possa pensare, la tricotillomania è una patologia molto diffusa e può interessare uomini e donne sin dalla tenera età. Il danno causato da questa azione meccanica può essere variabile. È possibile che si osservino zone in cui i fusti sono spezzati e, di conseguenza, i capelli sono a lunghezze diverse, o aree del cuoio capelluto del tutto glabre.

Si tratta di un disturbo del controllo degli impulsi. I pazienti descrivono un senso di tensione e di ansia che si attenuano in seguito all’azione di strappo. Per i bambini la situazione è diversa. Essi tendono a tirare e strappare i capelli nei momenti di concentrazione, durante lo studio o la lettura o nei momenti in cui riposano a letto.

Spesso la condizione è associata ad altri disturbi del comportamento. I bambini spesso si morsicano anche le unghie o succhiano il pollice, gli adulti soffrono a volte anche di disturbi dell’alimentazione, della personalità, disturbi dissociativi o schizofrenia.

La diagnosi non è semplice poiché più di un terzo dei pazienti nega il disturbo. Sarà sufficiente osservare che i capelli si trovano in fase anagen e una caduta non è, dunque, riconducibile a patologie che interessano il ciclo di vita del follicolo pilifero.

Per risolvere la patologia, sarà opportuno intervenire a livello psicologico.

 

Tricocriptomania, una variante della tricotillomania.

La tricocriptomania è una variante della tricotillomania che vede una caduta dei capelli dovuta a uno sfregamento invece che a uno strappamento.

In alcuni casi il paziente che ne è affetto mastica e deglutisce i capelli. Tra le conseguenze vi sono:

  • problemi gastrointestinali;
  • pancreatite;
  • emorragia gastroenterica;

Come nel caso di diagnosi di tricotillomania, potrà mostrarsi necessario l’intervento di un medico-psichiatra.

 

Tra le terapie comportamentali, ricordiamo:

  • ipnosi;
  • psicoanalisi;
  • psicoterapia intensiva.

 

Tricorressi nodosa acquisita, un’alterazione del fusto molto comune.

È un’alterazione del fusto molto comune, causata da traumi fisici e/o chimici quali:

  • phon;
  • spazzola;
  • pettine caldo;
  • tinte;
  • acconciature;
  • permanenti;
  • detergenti aggressivi.

Si registrano una perdita della cuticola in alcuni tratti del fusto del capello e la formazione di rigonfiamenti molto fragili e soggetti a rottura.

 

Tricorressi nodosa congenita, una rara forma di tricorressi.

La tricorressi nodosa congenita è una rara forma di tricorressi non traumatica. Si osserva in particolare nei neonati e nei bambini. I loro capelli divengono fragili e si spezzano molto facilmente.

Il risultato è la formazione di vaste chiazze alopeciche. La patologia tende a migliorare con l’età.

 

Tricorressi invaginata, rigongiamento del fusto del capello.

È un’anomalia del fusto del capello che si mostra attraverso la formazione di un rigonfiamento causato a un errato processo di cheratinizzazione del fusto.

Tra le cause ricordiamo traumi chimici o fisici.

 

Tricoptilosi, le classiche doppie punte.

Nota con il nome di “doppia punta”, si manifesta con una separazione longitudinale del capello.

È una condizione molto comune, causata da traumi fisici e/o chimici, quali spazzolature o pettinature.

 

Tricoclasia, frattura del midollo e/o della corteccia.

Il fusto del capello è caratterizzato da una frattura trasversale. La rottura interessa il midollo e la corteccia del capello, ma non la cuticola ed è causata da traumi fisici o chimici.

Se la cuticola rimane intatta, il capello potrà riprendere a crescere senza essere interessato da caduta.

 

Tricoschisi, frattura trasversale da carenza di zolfo.

La carenza di zolfo può portare a gravi carenze proteiche, che causano, nel lungo periodo, a una frattura trasversale netta del capello.

Se l’anomalia è associata ad alterazioni fisiche quali ritardo mentale, distrofie ungueali, fotosensibilità, spasticità, atassia, si parla di Tricotiodistrofia. I capelli appaiono sottili e a zig zag, radi e fragili, e si spezzano facilmente.

 

Sindrome di Netherton, alterazione del fusto genetica.

Si tratta di una condizione molto rara che colpisce soprattutto le donne sin dall’infanzia. Si osserva un’alterazione del fusto sia dei peli vellus sia dei terminali interessando, nei casi più severi, i peli di tutto il corpo.

La patologia tende a migliorare con l’età, ma non esistono terapie farmacologiche efficaci.

 

Moniletrix, formazione di rigonfiamenti di forma ellittica.

Fattori genetici ed ereditari possono portare allo sviluppo di questa condizione, che interessa i peli di tutte le zone corporee. La condizione si manifesta sin dalla tenera età e può aumentare con il passare degli anni.

Il fusto del capello assume la forma di una catena di rosario o di una collana, data la formazione di rigonfiamenti di forma ellittica chiamati “nodi”. Questi sono separati tra loro dagli “internodi”, degli strozzamenti.

I capelli sono estremamente deboli e si spezzano con grande facilità.

Non è possibile risolvere completamente la condizione. Terapie atte al rafforzamento (seppur momentaneo) dei capelli, includono l’utilizzo di etretinato.

 

Capelli non pettinabili

Patologia tipica dell’infanzia, si manifesta solitamente nei bambini a partire da pochi mesi di vita. I capelli divengono color bianco/argento o paglierino e non possono essere pettinati né schiacciati.

La papilla dermica del capello subisce una deformazione a causa di un errore nel processo di cheratinizzazione, per cause genetiche non ancora del tutto identificate dagli studiosi.

Il trattamento con biotina è consigliato per rinforzare i capelli e si raccomandano prodotti delicati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.