Caduta dei capelli estiva – cosa fare?

0
3596
Perdere i capelli dopo la stagione estiva è considerato un avvenimento fisiologico e non c’è da preoccuparsi. Vediamone insieme le cause e cosa fare

 

Stagione estiva e perdita di capelli – cause

Innanzitutto, occorre precisare che non ha nulla a che vedere con la calvizie comune. La causa risulta essere riconducibile ad uno stress a carico del cuoio capelluto provocato dall’esposizione solare durante tutto il periodo estivo. Oltre allo stress causato dai raggi UV, dobbiamo considerare l’avvento della fase telogenica che comporta una maggiore caduta.

L’intensa caduta da 2 a 3 settimane che si verifica in questo periodo viene chiamata Telogen Effluvium. Nella parte iniziale del capello è possibile notare una piccola pallina bianca che denota lo stato attivo di effluvium fisiologico e non di fragilità o problemi di altro tipo.

 

Rimedi possibili – farmaci o correttori?

Quando si tratta di effluvium stagionale è bene non precipitarsi a cercare terapie immediate o pensare ad un trapianto di capelli. Questa caduta si verificherà per circa 30 giorni ed è raccomandato curare lo stato di salute del cuoio capelluto con prodotti adeguati e rigeneranti.

Esistono prodotti specifici che sono in grado di fornire un valido aiuto durante questo periodo:

  • Prodotti contenenti rame-peptidi o di idro-cortisone e antiossidanti (Spectral DNC – Locoidon)
  • Prodotti antagonisti del DHT, previa prescrizione (Foligan o Haigen Softgel)

Oltre ai prodotti citati, è possibile anche scegliere l’uso di correttori per ridurre alla vita le aree momentaneamente diradate.

Comunemente sono prodotti in spray o polvere composti da micro-fibre di cheratina, utilizzabili direttamente sul cuoio capelluto. Si consideri che l’effetto è visibile sin da subito e può, quindi, dare benefici non solo estetici ma anche da un punto di vista psicologico. Oltretutto, è possibile reperire i correttori in vari colori e sfumature per garantire la maggior naturalezza del risultato.

 

Come si può rimediare?

Ci sono alcune raccomandazioni che possono essere d’aiuto per ridurre la caduta dei capelli dopo la stagione estiva:

  • Mantenersi ben idratati (almeno 8 bicchieri di acqua al giorno o alimenti ricchi d’acqua)
  • Effettuare massaggi al cuoio capelluto con oli specifici
  • Svolgere degli impacchi per capelli con yogurt e limone per mantenere il cuoio capelluto sano
  • Proteggere i capelli dal cloro con l’uso di una cuffia e ridurre al minimo i bagni estivi in piscina
  • Optare per l’uso di cappelli per tenere ben protetto il cuoio capelluto dai danni solari
  • Seguire una corretta e sana alimentazione: se la salute è ben curata, lo saranno anche i capelli

Tutte queste precauzioni possono davvero aiutare a ridurre gli effetti dell’effluvium stagionale sui capelli.

Resta detto che per tutti i casi in cui si verifichi una caduta eccessiva e preoccupante, sarebbe bene rivolgersi ad uno specialista per escludere un problema di calvizie più serio.

Previous articleL’estate tra i capelli: L’importanza della fotoprotezione
Next articleTutti al mare: Consigli su come prendersi cura dei nostri capelli
Dr. Vincenzo Masullo
Il Dr. Masullo Vincenzo consegue la sua laurea in Medicina e Chirurgia presso la II Università degli Studi di Napoli. Spinto dalla sua passione, investe con dedizione nella sua formazione accademica, con la specializzazione in Microbiologia, sempre presso l’ateneo di Napoli, poi in Dermochirurgia e Chirurgia della Calvizie, presso l’Università degli Studi di Firenze. E’ membro delle più importanti associazione di settore: membro votante dell’ISHRS una delle più rilevanti organizzazioni mondiali nell’ambito della chirurgia della calvizie; è membro della World FUE Institute, della S.I.Tri. (Società Italiana di Tricologia) e di altre importanti organizzazioni del settore. Ha un’esperienza trentennale nell’ambito della chirurgia: nel 1992 le sue prime esperienze professionali chirurgiche in collaborazione, il Dr Masullo, oggi, è tra i più stimati chirurghi specializzati del trapianto di capelli con tecnica FUE. Il Dr. Masullo, pur ritenendo la Tecnica FUT (Strip Extraction) valida, con risultati indiscutibilmente ottimi, nel 2007 sceglie di utilizzare la Tecnica FUE (Follicular Unit Extraction), considerandola molto meno invasiva e più funzionale anche a quelle che erano le richieste dei pazienti, specializzandosi e divenendo un punto di riferimento nel campo. Il Dr Masullo utilizza un micro punch manuale del diametro di 0,6 / 0,8 millimetri riducendo la traumaticità alle unità follicolari nell’atto della estrazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.