Dutasteride VS Finasteride

2
4897
dutasteride o finasteride

Molti si chiedono quale sia il farmaco migliore per la cura della calvizie tra Dutasteride e Finasteride. Questo articolo ha precisamente l’obiettivo di mettere a confronto questi due farmaci così da fornire una risposta ragionevole alla domanda. Online è possibile trovare 2 studi interessanti riguardo la questione, il che dimostra quanto alta sia la richiesta di chiarire questo dubbio. Per correttezza vanno fatte due premesse iniziali. La prima è che Dutasteride a oggi non è un farmaco approvato per trattare l’alopecia androgenetica, né in Europa né in America. La seconda è che chi scrive non ha mai fatto uso di Avodart o equivalenti. Riporto di seguito i due studi menzionati sopra.

 

1) L’importanza della duplice inibizione dell’enzima 5alfa-reduttasi nel trattamento della perdita dei capelli maschile: I risultati di un test di confronto tra Dutasteride e Finasteride,  effettuato casualmente e con controllo placebo.

Per chi non conosce l’inglese riassumo qui sotto in italiano le linee salienti dello studio. Lascio sopra invece, per chi lo volesse, il link diretto su Pubmed. Si tratta di uno studio molto particolare e interessante, dal momento che ha coinvolto ben 416 persone tra i 21 e i 45 anni affetti da alopecia androgenetica. E’ uno studio curioso anche perché i farmaci non sono stati presi in considerazione nell’ambito prostata.

 

Come si è svolto lo studio?

Ai 416 uomini coinvolti nello studio sono stati somministrati completamente causalmente i due farmaci per 24 settimane (6 mesi), secondo i seguenti dosaggi:

  • Placebo
  • 5 mg al giorno di Finasteride;
  • Dutasteride secondo i seguenti dosaggi quotidiani: 0.05 mg, 0,1 mg, 0,5 mg o 2,5 mg.

Se avete letto la nostra guida sul Dutasteride saprete che questo inibisce l’enzima 5-alfa reduttasi in sue due diverse isoforme: nell’isoforma 1, a una potenza circa tripla rispetto al Finasteride, e nell’isoforma 2, a una potenza addirittura cento volte maggiore rispetto al Finasteride. Oltre a questo, il Dutasteride riesce ad abbattere il DHT sierico fino al 90%, il 20% in più rispetto al Proscar 5mg e può essere utilizzato assumendone 0,5 mg al giorno per trattare l’IPB (ipertrofia prostatica benigna).

 

Qual è stato il risultato?

Avrete notato che, durante il test, a un campione di uomini è stato somministrato Dutasteride con un dosaggio di 2,5 mg giornalieri. E’ un dosaggio significativamente alto, basti pensare che equivale a 5 volte la dose utilizzata per la prostata. Aver testato gli effetti di tale sovradosaggio è stato particolarmente utile per valutare meglio l’azione del farmaco per la cura delle calvizie, come dimostrano gli interessanti risultati riscontrati.

Esaminiamo ora i risultati più singolari proponendo qualche confronto:

 

Confronto tra Dutasteride 0,1 mg e Finasteride 5 mg

Osservando i due dati in questione emergono risultati similari per quanto riguarda la conta dei capelli, a fronte però di un dosaggio di Dutasteride ben più basso. La spiegazione di questo fenomeno è la seguente: Avodart riesce ad agire anche sulla 5-alfa reduttasi più presente nello scalpo, cioè quella di tipo 1.

Confronto tra Dutasteride 0,5 mg e Dutasteride 2,5 mg

Il miglioramento che si riscontra paragonando questi due dosaggi è persino del 15% in più rispetto a quello del confronto analizzato appena sopra. La differenza è dovuta alla diversa inibizione del DHT a livello dello scalpo: questa è del 51% con il dosaggio di 0,5 mg e del 79% con quello di 2,5 mg. Nel secondo caso il numero delle 5 alfa reduttasi di tipo 1 che riescono a essere abbattute è maggiore a causa del maggiore dosaggio. I parametri della soppressione del DHT sierico sono invece simili: del 92% con il dosaggio di 0,5 mg e del 96% con quello di 2,5 mg.

 

Quali e quanti effetti collaterali?

Sono stati 11, sui 416 totali, i soggetti che hanno deciso di non completare il test a causa degli effetti collaterali. In particolare questi soggetti hanno lamentato i seguenti disturbi: calo della libido, impotenza, problemi gastrointestinali neurologici, muscolari… E’ particolarmente curioso notare però che ben 3 di questi erano nel gruppo placebo! Ciò evidenzia che un ruolo notevole in questi casi è giocato dall’aspetto psicologico. Tendenzialmente comunque, lo dimostrano i numeri, entrambi i farmaci sono stati ben sopportati, tanto in questo studio di fase 2 quanto in quelli successivi di fase 3. Gli effetti collaterali a seguito dei 6 mesi di test sono incorsi raramente. I 405 soggetti che invece hanno concluso i 6 mesi di test hanno riscontrato come principale effetto collaterale il calo della libido.

In totale sono stati solo 19 i soggetti che hanno mal tollerato il farmaco. Tra tutti i diversi dosaggi il più dannoso si è rivelato essere quello di 2,5 mg di Dutasteride, come dimostra la più elevata incidenza degli effetti collaterali. Di nuovo emerge che l’aspetto psicologico ha un certo peso, dato che ben 2 soggetti del gruppo placebo hanno creduto di riscontrare dei contro effetti. Gli effetti collaterali causati da entrambi i farmaci sono comunque scomparsi in poco tempo, circa entro due mesi dalla fine del test, tranne che in un unico soggetto che ha mostrato problemi più duraturi.

 

2) La superiorità del Dutasteride rispetto al Finasteride nel far ricrescere i capelli e nell’invertirne la miniaturizzazione negli uomini affetti da alopecia androgenetica.

Nel 2016 è stato pubblicato sull’Indian Journal of Dermatology, Venereology and Leprology uno studio atto a confrontare i seguenti dosaggi di Dutasteride e Finasteride: 0,5 g del primo e 1 mg del secondo (approvato per AGA). E’ uno studio decisamente più recente rispetto a quello analizzato prima.

 

Come si è svolto lo studio?

Lo studio si è protratto per 24 settimane e ha visto la partecipazione di 90 uomini di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Tutti i soggetti erano affetti da calvizie e sono stati divisi in modo casuale in due gruppi. Il primo assumeva 1 mg di Finasteride al giorno, il secondo 0,5 mg di Finasteride.

 

Qual è stato il risultato?

La tabella sottostante mostra in modo immediato i risultati del test allo scadere dei 6 mesi. I risultati sono stati calcolati facendo la conta dei capelli totali in determinate aree di 1cm quadrato sulla testa dei soggetti, tanto all’inizio quanto alla fine del test. Per esaminare la capacità dei due farmaci di invertire la diminuzione del diametro dei capelli è stata fatta la conta anche dei capelli in fase di miniaturizzazione. Tra Finasteride e Dutasteride è quest’ultimo ad aver provocato dei risultati migliori, sia nell’invertire la miniaturizzazione follicolare, sia nel far ricrescere nuovi capelli.

 

Quali e quanti effetti collaterali?

Durante questo test non ci sono state specifiche analisi degli effetti collaterali. Consultando direttamente l’intero report dello studio al link sopra, noterete che vengono citati sono generici contro effetti di tipo sessuale equamente distribuiti tra i due diversi gruppi. Come nel caso dello studio precedente, anche qui gli effetti collaterali sono comunque rientrati con la sospensione del trattamento.

2 COMMENTS

    • No, non è sicuro ed è anche pericoloso non puoi essere sicuro che il principio attivo contenuto sia effettivamente finasteride o dutasteride.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.