Follicolo Pilifero, Come sono fatti i capelli?

0
102
follicolo pilifero

Il follicolo pilifero è una formazione di natura epidermica che ha sede nel derma.

I follicoli piliferi si formano durante la gestazione, a partire dal secondo mese di gravidanza. Il corredo di follicoli di cui dispone il bambino alla nascita sarà lo stesso per tutta la sua vita e non se ne formeranno di nuovi.

 

La struttura del follicolo pilifero

Il complesso pilosebaceo riunisce pelo, ghiandola sebacea e follicolo pilifero.

La porzione visibile, che fuoriesce dalla cute, è definita fusto del pelo, stelo o asta. La porzione interna, non visibile, e circondata da diverse guaine, è indicata con il termine di radice.

I follicoli piliferi emergono dalla cute con un’inclinazione ed è questa la ragione che porta i nostri peli a essere inclinati e non perfettamente dritti.

La ghiandola sebacea riversa il suo contenuto nel follicolo, è sorretta da un muscolo definito muscolo orripilatore o piloerettore, responsabile della cosiddetta pelle d’oca. Si tratta di un fascio muscolare che reagisce al freddo e a stimoli di paura raggrinzendosi e portando il pelo a raddrizzarsi.

I muscoli piloerettori non sono presenti in alcuni peli di volto, ciglia, nelle vibrisse (peli nasali) e nei tragi (peli auricolari).

Il bulbo pilifero è la porzione più profonda del follicolo. In alcuni casi può raggiungere l’ipoderma. La parte del bulbo che porta alla nascita del pelo si sviluppa intorno alla papilla dermica e si definisce matrice del bulbo. È costituita da cellule epiteliali poliedriche. Sopra alla matrice vi è una zona di differenziamento, la zona cheratogena. Qui si riproducono differenziandosi i cheratinociti, che formano le tre strutture del pelo: midollo, cuticola e corteccia.

Il midollo è costituito da cellule molto grandi ed è ricco di spazi interstiziali ripieni d’aria. La corteccia è formata da strati di cellule morte e piatte, ricche di pigmento grazie alla presenza di melanociti. La cuticola è molto sottile e costituita da cellule trasparenti, disposte come le tegole di un tetto. La funzione di questo strato esterno è quella di proteggere le zone sottostanti.

 

Ciclo di vita del follicolo pilosebaceo

La matrice del bulbo pilifero non produce costantemente cellule, ma segue un ciclo. Nell’uomo, a differenza che negli altri mammiferi, questo ciclo di crescita si verifica in modo asincrono. Non si verificano periodi di muta.

Il ciclo è composto da tre fasi: fase anagen, catagen e telogen.

  • La fase anagen è il periodo di crescita del pelo, la cui durata varia tra i 3 e i 7 anni. Questa fase vede la formazione di papilla, bulbo, ghiandola sebacea, muscolo piloerettore e follicolo stesso.
  • La fase catagen rappresenta il periodo di quiescenza. Ha una durata di due-tre settimane. Si tratta della fase di involuzione, durante la quale il pelo si allontana dalla papilla pilifera spostandosi verso l’esterno.
  • L’ultima fase, la cosiddetta fase telogen, ha una durata di circa 2-3 mesi. Le attività del pelo sono completamente cessate ed è sufficiente una trazione perché si verifichi la caduta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.