La perdita di capelli causata dall’inquinamento atmosferico

0
3733

L’inquinamento può avere gravi ripercussioni sul vostro aspetto: è stato dimostrato che questo possa danneggiare la barriera cutanea causando segni di invecchiamento precoce, come rughe e macchie scure, ma non è solo la pelle ad esserne colpita.

 

Gli effetti

I giovani pazienti che di recente si sono trasferiti in città metropolitane altamente inquinate spesso hanno riscontrato sintomi come prurito, forfora, oleosità al cuoio capelluto e dolore alla radice dei capelli.

Diversi studi hanno identificato questa sindrome del cuoio capelluto sensibile come risultato dell’esposizione a livelli crescenti di inquinamento atmosferico, tra cui particolato, polvere, fumo, nichel, piombo e arsenico, biossido di zolfo, biossido di azoto, ammoniaca e idrocarburi policiclici aromatici (IPA), che finiscono per depositarsi sul cuoio capelluto e sui capelli.

Si è visto che gli inquinanti atmosferici rubano ossigeno dalle cellule della pelle e aumentano la produzione di radicali liberi; infatti gli ambienti interni condizionati rilasciano composti organici volatili che si attaccano al cuoio capelluto, mentre i contaminanti migrano nel derma attraversando il condotto del follicolo pilifero e causando così stress ossidativo e perdita di capelli.

 

La scoperta dell’ Industrial Toxicology Research Centre

Esiste in tutto il mondo la consapevolezza dell’esistenza di malattie respiratorie, come i problemi sinusali e allergici causati dall’inquinamento atmosferico; ora si sta provando che i danni possono essere anche più profondi.

Di fatto, la pelle e i capelli costituiscono la prima barriera esposta all’inquinamento. Grandi particelle in sospensione, piccole particelle nell’aria, fumo e inquinamento gassoso si depositano sul cuoio capelluto e sui capelli, causando danni e irritazione.

Tutto questo è stato notato quando l’Industrial Toxicology Research Centre, Lucknow, ha pubblicato uno studio in merito agli effetti dell’inquinamento sui capelli nel 1994. La caduta dei capelli può coesistere con cause già esistenti con l’aggiunta del fattore inquinamento, generando condizioni simili all’alopecia androgenetica, alopecia areata diffusa, o all’effluvium telogen cronico.

 

Criteri dell’OMS per i livelli di contaminazione

Il livello di particolato (PM) raccomandato dall’OMS dovrebbe essere di non superiore a 100 ng/m3.

Nelle grandi città inquinate, come Madrid, Londra o Milano, varia da 33 ng / m3 a 35 ng / m3. La qualità dell’aria di molte grandi città non rispetta ancora i valori limite stabiliti dalla legislazione europea e non rispetta quindi i valori raccomandati dall’OMS (più rigorosi) per un’adeguata protezione della salute.

Come possiamo proteggere i nostri capelli dagli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico, come grasso, desquamazione, prurito al cuoio capelluto, forfora, rottura e caduta dei capelli?

 

Indicazioni e consigli utili

Gli effetti dei radicali liberi a base di ossigeno possono essere neutralizzati con l’aiuto di una classe di ingredienti noti come antiossidanti.

Alcuni ingredienti ricchi di antiossidanti per la cura dei capelli includono l’acido ialuronico, che crea una barriera intorno alla cuticola del capello per proteggerlo dagli elementi, l’estratto di semi di moringa, che neutralizza i radicali liberi e impedisce alle microparticelle contaminanti di aderire ai capelli o, ancora, la vitamina E, gli estratti di alghe, l’estratto di bambù e le cellule staminali dell’uva offrono benefici antiossidanti e antinquinamento per le fibre e il cuoio capelluto.

Come nella maggior parte delle problematiche di di bellezza e benessere, la prevenire è meglio che curare. La chiave è avere un cuoio capelluto sano di modo che le particelle di contaminazione non possono infiltrarsi.

Un altro modo per mantenere i capelli in salute? Non lavarli troppo spesso.

L’inquinamento atmosferico e l’esposizione ai raggi UV seccano i capelli e i lavaggi eccessivi peggiorano la situazione. Quando ci si lava è bene farlo con prodotti privi di solfato. Il numero ideale di lavaggi a settimana è diverso per ogni persona e per ogni tipo di capelli.

 

Prodotti cosmetici anti-inquinamento

Come nel caso della cura della pelle, le aziende produttrici di prodotti per capelli stanno ne stanno ideando alcuni in grado di eliminare e respingere più efficacemente tutti quei contaminanti sgradevoli. Gli ingredienti botanici ricchi di antiossidanti sono piuttosto utilizzati per la formulazione di questi prodotti; la Kérastase Specify Hydra-Apiasant Mask e lo Shu Uemura Urban Moisture Hydro-Hyouroo Shampoo contengono l’estratto di moringa, purificante che rimuove i contaminanti e contrasta i radicali liberi.

Prodotti pesanti come schiume, gel e creme addensanti possono attirare più particelle di inquinamento nei capelli. Se vivete in un’area altamente contaminata, considerate l’opportunità di eliminare l’uso di questi prodotti dalla vostra routine e sostituirli con altri come quelli sopra citati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.